spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Edizione 2004 Stampa E-mail

 

Assegnato il Premio Ava 2004

 

Due vincitrici ex-aequo:

Elena Ruggio e Katia Zinetti

Premio Provincia di Vercelli

ad Alessandra Gioliti

Image Le partecipanti all’edizione 2004 sono state 17, di cui 2 allieve dell’IPSIA Magni di Borgosesia (Simona Marone ed Elena Ruggio), dodici dell’IPSSAR di Gattinara (Francesca Alleva, Elena Bacchetta, Michela Carli, Nicole Cavalotti, Laura Cometto, Clelia Manzo, Federica Marcone, Silvia Melani, Alessandra Palazzi, Katia Pegoraro, Cristina Rossin e Katia Zinetti), una dell’IPSSAR di Varallo (Paola Baroli), una dell’ITCG Calamandrei di Crescentino (Alessandra Gioliti) e una dell’ITG Cavour di Vercelli (Silvia Davanzo). Image

Image
Attilio Varvello con Ruggio e Zinetti

 

 

 

 

 

Sabato 29 gennaio 2005, nella suggestiva cornice dell’Enoteca di Gattinara, gli organizzatori del Premio Ava in memoria di Alda Madeo Varvello – i suoi tre figli Aldamaria, Alberta e Attilio – hanno assegnato il riconoscimento per l’edizione 2004 ai racconti di  Elena Ruggio (Ipsia Magni di Borgosesia, anni 17, residente a Borgosesia) e Katia Zinetti (Ipssar di Gattinara, anni 19, residente a Gattinara) che hanno quindi ricevuto un assegno di 250 euro ciascuna. Image 

 

Motivazioni della giuria

 

Per «La leggenda del castello delle

quattru pizzule» di Elena Ruggio:

Per la capacità di trasformare in proiezione letteraria di tipo fiabesco, ma ben costruita e concretamente allacciata alla razionalità, le sensazioni e i sentimenti della vita quotidiana di un’adolescente, delineando con stile fluido e piacevole l’ambiente e l’atmosfera nella quale colloca – in una equilibrata proporzione fra lo spirito magico delle aspirazioni giovanili e la malinconia di una realtà sofferta – la realizzazione di un profondo desiderio di ritorno alle radici.

Per «Il nostro segreto» di Katia Zinetti:

Con linguaggio ancora sommesso ma sincero e significativo, e attraverso azioni e gesti quotidiani e concreti, il racconto delinea sullo sfondo un ideale di realizzazione personale indipendente e maturo; intanto immagina con giovanile fiducia di potersi nell’avvenire volgere indietro a rischiarare le zone d’ombra trascurate della propria vita, valorizzando il proprio temperamento immaginifico e sentimentale attraverso la continuità con la famiglia e la terra natale.

Il Premio Provincia di Vercelli…

… è andato ad Alessandra Gioliti
Image
L'assessore Riva Vercellotti con Gioliti

A lei, nel 2004 studentessa dell'ITGC di Crescentino, anni 20, nel 2005 iscritta alla facoltà di Giurisprudenza, residente a Verrua Savoia, l'assessore provinciale alla Cultura, Carlo Riva Vercellotti, ha illustrato il premio, che consiste in uno stage finalizzato alla comunicazione presso la Provincia di Vercelli.

A tutte le concorrenti è stato consegnato un attestato di partecipazione.

 
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB