spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Edizione 2001 Stampa E-mail

 

Assegnato il Premio Ava 2001

 

Un milione a Sara Fardin

per un fresco e colloquiale racconto

 

Image
Il gruppo delle concorrenti al Premio Ava 2001
 

Le partecipanti all’edizione 2001 sono state sei, di cui cinque allieve dell’Istituto Professionale di Stato per i Servizi alberghieri e della ristorazione «G. Pastore» di Varallo Sesia (Vercelli): oltre alla vincitrice Sara Fardin hanno concorso Giada Degrandi, Lara Ilaria Drosi Gualtieri, Ilaria Faziotti e Fabiola Fonio.

La sesta partecipante, Lucrezia Bonfadini, frequenta invece l’ITIS di Borgosesia (Vercelli).

Image
Il preside Alessandro Orsi presenta il Premio

Sara Fardin si è dunque aggiudicata il secondo Premio Ava, istituito lo scorso anno da Aldamaria, Alberta e Attilio Varvello in memoria della mamma mancata il 29 dicembre 1999: Ava era appunto lo pseudonimo con cui scriveva  Alda Madeo Varvello, donna di grande spirito e cultura.


Sara Fardin, allieva di IV, è un’ottima studentessa, e ama anche scrivere poesie; alcune sono già state pubblicate dal suo preside, prof. Alessandro Orsi, in un volumetto che raccoglie i versi migliori degli alunni dell’Istituto.

Image
Davanti: Alberta, Aldamaria e Attilio Varvello col preside Orsi


La premiazione ha avuto luogo nella mattinata di lunedì 10 dicembre 2001 presso una sala dello stesso Istituto frequentato dalla premiata, un prestigioso palazzo varallese che durante la Belle Epoque fu lo Splendid Park Hotel, grande albergo termale visitato dalla nobiltà italiana ed europea.

La motivazione del premio a Sara Fardin

Per la fresca e colloquiale scrittura, che tratteggia
con naturale spontaneità un flash di vita vissuta,
in una cornice tematica molto semplice
ma allo stesso tempo non priva di analisi psicologica
dei personaggi che, delineati con scarne pennellate,
affiorano da una sfumata complessità.
Lo stile tipico della sceneggiatura cinematografica
lascia intravvedere  una notevole potenzialità
nella creazione di intrecci non banali, né retorici né intimisti…
bensì, in sintonia con l’ispirazione di questo Premio,
pervasi da entusiasmo e «voglia di scrivere»
.

 

 
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB